Secondigliano Today

Reclutava per l'Isis in carcere: è stato anche detenuto a Secondigliano

Hmidi Saber, tunisino arrestato per terrorismo nel 2014 e nuovamente arrestato (in carcere) con l'accusa di reclutare jihadisti in galera, nel 2016 era nella casa circondariale partenopea

Hmidi Saber, AnsaFoto

È stato detenuto anche nel carcere di Secondigliano. È l'ultimo inquietante particolare che emerge dalla storia di Hmidi Saber, il tunisino arrestato per terrorismo nel 2014 del quale si è ora scoperto reclutasse jihadisti anche in galera.

In un primo momento detenuto a Civitavecchia, venne trasferito a Frosinone e poi nel capoluogo partenopeo. La sua detenzione, prima dell'arrivo a Napoli, era già stata macchiata da una spedizione punitiva organizzata a Civitavecchia e da un'aggressione portata a compimento a Frosinone.

A Secondigliano Saber è stato trasferito per motivi di sicurezza nell'estate del 2015. Lì si è reso responsabile, nel maggio 2016, di una violenta aggressione ai danni di un detenuto nigeriano di fede cristiana. A quel punto è passato a Salerno e nel settembre 2016 a Viterbo e poi a Rebibbia. Sei carceri, e una costante: episodi violenti e tentativi di indottrinamento degli altri detenuti.

Nell'operazione "Black Flag" il 33enne è stato arrestato in carcere. Ritenuto ancora affiliato a Ansar Al-Sharia, organizzazione libica vicina all'Isis, verrà indagato per terrorismo internazionale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Linea 1, pacco sospetto nella stazione Vanvitelli. Gli artificieri escludono pericoli

  • Cronaca

    La tragedia di Marzia: alcol test negativo per l'amica che era al volante

  • Cronaca

    Il procuratore Antiterrorismo: "In Italia alto rischio attentati, ma siamo preparati per affrontarli"

  • Chiaia

    Rapina sul lungomare, poliziotto spara e mette in fuga i malviventi

I più letti della settimana

  • Presunto diplomificio a Secondigliano, sul caso indaga la Procura

Torna su
NapoliToday è in caricamento