SecondiglianoToday

Centrale per la clonazione di carte di credito scoperta a Secondigliano

Un ragazzo di 18 è stato scoperto mentre clonava carte di credito a Secondigliano. Il giovane aveva messo su una vera e propria centrale per la duplicazione delle carte, con più di 1000 codici da utilizzare. Tutta l'attrezzatura è stata sequestrata

Un ragazzo di 18 anni, N.I., è stato colto in flagrante dalla guardia di finanza, mentre clonava carte di credito all'interno di un box auto a Secondigliano.

È così che le fiamme gialle hanno scoperto una vera e propria centrale clandestina per la duplicazione delle carte, il tutto in modo artigianale, ma decisamente efficace.

Il ragazzo, che ha un precedente per il furto di un motorino, era in grado di creare carte di credito perfette e di alimentare un business estremamente reddittizio. Infatti, i codici segreti arrivati via fax alla centrale clandestina e pronti ad essere trasferiti in altrettante carte di credito erano oltre mille.

Gli specialisti del nucleo di polizia tributaria hanno trovato l'arrestato intento a trasferire, attraverso programmi informatici sofisticati, i codici personali di carte di credito, in tessere neutre che successivamente, per mezzo di un'apposita stampante e di uno "scrittore" di badge magnetici, venivano trasformate in carte di credito.

Nel box auto adibito a stamperia erano presenti strumenti adatti a riprodurre sia bande magnetiche che microchip.

Oltre alle carte clonate, in totale 272, sono stati sequestrati computer, apparecchiature per la lettura e la scrittura di bande magnetiche, stampanti, telefoni cellulari, numerosi codici personali.

L'arrestato, che ha un precedente per furto di motorino, ha interrotto gli studi dopo la licenza media ma, secondo quanto riferisce la guardia di finanza di Napoli, era diventato un esperto in programmi informatici per la clonazione di carte di credito.

La guardia di finanza sta ora indagando per individuare le altre persone coinvolte nell'attività criminale e per quantificare la truffa già perpetrate in passato con altre carte di credito clonate.

Dalle prime indagini si è scoperto un giro di falsi titolari, tra cui anche chi se ne faceva intestare più di una decina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Tweet su Coronavirus e colera, Borrelli e Simioli: "Abbiamo deciso di denunciare Feltri"

  • L'Amica Geniale, anticipazioni quinto e sesto episodio 24 febbraio 2020

Torna su
NapoliToday è in caricamento